Prime applicazioni: la procedura negoziata ex art. 36 del nuovo Codice dei contratti e il principio di rotazione

Nella specie trattasi di un mancato invito del fornitore uscente ad una procedura negoziata.

Il Tar Friuli Venezia Giulia, con la sentenza 419 del 2016, ritiene legittimo il mancato invito della ditta ricorrente individuando nel principio di rotazione (enunciato dal Comune appaltante) una ragione sufficiente per giustificare da solo il predetto mancato invito.

Secondo il Tar Friuli, quindi, avendo la ditta effettuato il servizio nell’anno precedente, tale principio giustifica il mancato invito, indipendentemente dalla questione sulle previe contestazioni e dalla fondatezza della relativa censura. Osserva inoltre il Tar – e l’argomento è ritenuto decisivo – che trova applicazione alla fattispecie l’art 36, comma primo, del d. lgs. 50 del 2016, il quale prevede espressamente il “rispetto del principio di rotazione”. Trattandosi di una norma speciale relativa alle gare sotto soglia, essa prevale sulla normativa sulle gare in generale «Ne consegue che, rilevata la legittimità di tale clausola di rotazione nella tipologia di gara in questione, sotto soglia, il mancato invito risulta legittimo e conforme alla legge di gara, a nulla rilevando che il Comune nelle sue memorie valorizzi la questione delle previe contestazioni.».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...